DONNE DI CORSA, IL 25 MARZO C'E' ANCHE UNESCO IN ROSA

Vivere la prevenzione come stile di vita: è il pensiero che guida e accompagna la Settimana nazionale della prevenzione oncologica 2018, sostenuta dalla Lilt, la Lega italiana per la lotta contro i tumori, in programma da sabato 17 a domenica 25 marzo, quando si concluderà con la manifestazione podistica Unesco in Rosa, dedicata alle donne, un progetto nato dalla collaborazione tra la Lilt regionale e il Comitato organizzatore Unesco Cities Marathon.

Il presidente della sezione udinese della Lilt Giorgio Arpino, con il coordinatore regionale della Lega Salvatore Raguso, e il presidente del Comitato Unesco Cities Marathon Giuliano Gemo hanno presentato l'iniziativa a Udine, nella sede della Regione, presente l'assessore alla Salute Maria Sandra Telesca e una folta rappresentanza delle istituzioni, dei partner, degli sponsor e dei tanti soggetti che sostengono la manifestazione e gli eventi collegati contribuendo alla realizzazione di un programma ricco e articolato, dove il volontariato, non solo sportivo, gioca un ruolo molto importante.

Corsa a passo libero, non competitiva, ludico motoria, Unesco in Rosa è inserita nella più ampia maratona che collega Cividale, Palmanova e Aquileia, siti del Patrimonio Unesco del Friuli Venezia Giulia e si snoderà per 6 chilometri da Terzo di Aquileia (dove la partenza è fissata alle 12.00) per concludersi in prossimità della Basilica di Aquileia, condividendo negli ultimi 4 chilometri il tracciato con i maratoneti e confluendo nella grande festa finale. Una corsa rivolta e dedicata alle donne, ma che ha visto iscrizioni anche maschili. Così, per sensibilizzare alla prevenzione anche da parte degli uomini, Arpino ha annunciato la nascita da quest'anno anche di una iniziativa "in blu". Ma la manifestazione Unesco in Rosa punta a coinvolgere anche le famiglie nello stare insieme e nel praticare sport.

"Prevenire è vivere" per raggiungere insieme il traguardo della lotta contro i tumori: un messaggio che attraversa tutti gli eventi che la Lilt di Udine, in sinergia con le sezioni di Gorizia, Pordenone e Trieste, ha organizzato per l'occasione e che precederanno la corsa, mostrando come ambiente, sport, cultura e corretta alimentazione possano fare squadra per promuovere stili di vita corretti per la salute. Lo sarà in particolare la tappa in Friuli dell'Italian Volley Master, domenica 18 marzo al Palasport di Cervignano, teatro dell'incontro fra tre squadre di pallavolo formate da ex giocatori di alto livello: la nazionale Master Volley 50, la master Volley Veneto e la Master Volley Lilt FVG over 45.

"Iniziative come questa condensano i valori dello sport, della cultura e dell'intelligenza. Vi ringrazio a nome della sanità del Friuli Venezia Giulia" ha detto infine l'assessore Telesca, sottolineando che la scelta di presentare l'iniziativa Unesco in Rosa proprio l'8 marzo acquista una ulteriore valenza; la prevenzione, a cui le donne sono più attente degli uomini, costituisce il fulcro delle politiche sanitarie - ha rilevato Telesca parlando del Piano della prevenzione di primo e secondo livello, dei programmi di screening, delle esigenze di assistenza a largo spettro anche nel quotidiano. Così l'assessore ha anche evidenziato la forza derivante dalla capacità, per raggiungere gli obiettivi, di realizzare sinergie e superare frammentazioni, coinvolgendo il volontariato, una risorsa di cui in Friuli Venezia Giulia c'è grande capacità.

La Lilt, presente in FVG dal 1925, impegnata a divulgare la cultura e la mentalità della prevenzione, con i suoi volontari offre servizi gratuiti su misura per ogni paziente oncologico e porta la sua esperienza nelle scuole.

Calcola il tuo tempo sulla maratona