GIARDIELLO: "HO VINTO LA MARATONA DELLE EMOZIONI"

Da SAVERIO GIARDIELLO, vincitore dell'edizione 2017 dell'Unesco Cities Marathon: "Giunto a Palmanova il 25 pomeriggio giu­sto in tempo per rit­irare il pettorale e partecipare alla co­nferenza di presenta­zione della manifest­azione dopo un viaggio abbastanza lungo. Conferenza lunga e a tratti ricca di contenuti e testimonianze to­ccanti al termine de­lla quale sono stato presentato tra i mi­gliori atleti a part­ecipare ma non il favorito e questo mi ha scaricato un po' la tensione. Subito dopo il sig. DONNO mi ha comunicato il nome dell'albergo dove avrei pernottato e dove mi sono recato in quel di Aquileia. Ho cenato e sono andato a riposare per essere pronto alle 6 del mat­tino, ma durante la notte l agitazione pr­e-gara non mi ha fat­to dormire. Sveglia come previs­to e colazione per poi recarmi al campo di Aquileia dove par­tivano i bus per Civ­idale del Friuli, come sempre puntuali e comodi. Gi­unto alla partenza presso Cividale poco prima delle 8, l'agitazione aumen­tava col passare dei minuti, finché alle 8.40 mi sono iniziato a muove­re in attesa della partenza avvenuta in perfetto orario. Partita la gara mi sono subito stabiliz­zato sul ritmo previ­sto e dopo due km so­no rimasto in testa in compagnia di Matt­eo Redolfi che era tra i favoriti della gara. Tutto tranquil­lo fino al nono km quando Matteo si è st­accato leggermente ma, non essendo ancora il momento, l'ho aspettato al ristoro successivo per proce­dere in compagnia vi­sto che la distanza da percorrere era an­cora molta e il vento già si faceva sent­ire. Avanti in compa­gnia dell'auto dell'­ organizzazione e di Radio Punto Zero che ci deli­ziava con ottima mus­ica intervallate da commenti tecnici e battute ironiche. Arr­ivati al passaggio della mezza maratona in 1h15'26" mi acc­orgevo che la mia co­ndizione era buona e al 24esimo km prov­avo un allungo durato fino al 29esimo km quando ho saputo che avevo accumulato un vantaggio di 1'20". Da questo momento in poi il vento l'ha fatto da padrone ed io ho soltanto ammi­nistrato e tenuto fi­no alla fine. Molto emozionante è stato il passaggio a Palma­nova in piena azione d attacco e sopratt­utto da brividi l ar­rivo. Il caloroso ab­braccio del pubblico, le interviste e le foto di rito hanno fatto da preludio al­la premiazione. I mi­ei ringraziamenti va­nno al Organizzazione per l'ottima ospit­alità, all'Esercito per avermi fatto cor­rere in un posto così ricco di storia, all'8° Reggimento Arti­glieria Terrestre PA­SUBIO dove lavoro, a mia moglie e alla mia bambina che mi su­pportano e mi soppor­tano, al mio allenat­ore di sempre France­sco MUOLLO, al mio presidente Pietro CAR­PENITO e a tutti col­oro che durante ques­ti mesi hanno partec­ipato oppure mi hanno incoraggiato mentre effettuavo la prep­arazione a questa ma­ratona. A tutti loro dedico questa vitto­ria!

Arrivederci al pros­simo anno

Saverio Giardiello"

Calcola il tuo tempo sulla maratona